Logo del sito Centro Sportivo Educativo Nazionale


Logo del Coni Home

La scuola e i corsi
Gli stages

Karate
Elementi basilari
Lo stile Shotokan
Il kumite sportivo

Curiosità
I kata
I kata principali
Dôjôkun

Filosofia
Massime famose

Articoli e Foto
Photogallery
Foto storiche

A tutti quelli che...
...e ancora karate

Contatti E-mail

BUDÔ: il termine bu significa marziale, mentre la parola vuol dire via, quindi è la via delle arti marziali allo scopo di FERMARE LA VIOLENZA E RIPORTARE LA PACE. Budô è dunque sinonimo di felicità, pace e armonia.

"ÓSS": è il saluto reciproco. Vuol dire dare il meglio di sè affinchè in entrambi vi sia un miglioramento tecnico. Cercare di aiutare i propri compagni porterà ad un progresso di se stessi.

KEN & ZEN: il corpo (ken) indica azione e movimento, la mente (zen) calma e compostezza. Sono elementi inseparabili, l'uno influenza l'altro.

KYU & DAN: è il sistema che Funakoshi ideò per designare i gradi dei suoi allievi. Molte attività in Giappone sono organizzate secondo un sistema gerarchico.

EMBUSEN: ciò che va deve ritornare quindi l'embussen deve essere tracciato correttamente durante l'esecuzione di un kata.

DARUMA TAISHI (BODHIDHARMA): giunto in Cina a piedi dall'India, visse a lungo nel tempio di Shaolin dove fuse le sue esperienze di lotta indiane con il kempô cinese. Mise a punto le tecniche respiratorie volte allo sviluppo del ki, l'energia interiore.

DÔJÔ: è letteralmente il luogo dove si segna la via(dô=via, jô=luogo). Dunque è il posto dell'isolamento e della meditazione, dove si cerca di raggiungere l'unità tra Zen e Ken. Originariamente indicava il posto del risveglio di Buddha.

SAKURA: sono i 'fiori di ciliegio' che si possono ammirare in primavera a Kamakura presso il monumento funerario in onore del M° Gichin Funakoshi.

KEMPÔ: nato cinquemila anni fa in India, è il karate antico e fu praticato dallo stesso Buddha. Nel 520 d.C. DARUMA TAISHI, il 28° patriarca buddista, giunto in Cina, lo praticò nel tempio di Shaolin.